home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Acqua nel sottosuolo di Marte

articolo di Veltri Mario

per vedere tutte le immagini selezionare una delle anteprime

La sonda Odissey della NASA ha riscontrato più volte, negli ultimi due anni, la presenza, in vaste zone della fascia equatoriale della superficie di Marte, di masse di ghiaccio nel sottosuolo ad una profondità di appena qualche diecina di centimetri.

Gli ultimi dati provenienti dalla sonda europea Mars-Express dell'ESA hanno evidenziato, attraverso lo spettrometro Pfs di costruzione italiana, la presenza nell'atmosfera di Marte al di sopra delle stesse zone, a 10-15 km di quota, di metano misto a vapore d'acqua in concentrazione tre volte superiore rispetto alla restante parte di atmosfera ove la presenza di questi gas è inferiore ed uniformemente distribuita.
Questi due elementi, confrontati, concorrono nel far pensare che ci sia un rapporto tra la presenza di ghiaccio nel sottosuolo e la presenza di vapori, in concentrazione più elevata della normale distribuzione, nell'atmosfera di Marte.

Si ipotizzano due interpretazioni:
La prima propende per la presenza nel sottosuolo di Marte, ad una certa profondità, di una sorgente liquida (detta anche impropriamente geotermica) che nell'affiorare alla superficie, ove la temperatura è più bassa, si trasforma in ghiaccio e sprigiona i gas riscontrati nell'atmosfera.
La seconda ipotesi è che il gas metano sia sprigionato dalla presenza di qualche forma di vita (microrganismi o batteri) che si sarebbe adattata a vivere in laghetti nascosti nel sottosuolo del pianeta.
Comunque, entrambe le ipotesi confermano la presenza di acqua nel sottosuolo marziano.


 
La scarpata occi...
La scarpata occi...

 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 13, anno 2004)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page