home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Soggiornare nello spazio

articolo di Veltri Mario


La Stazione Spaziale Internazionale tra non molto sarà completata. Ciò consentirà all'uomo di soggiornare nello spazio anche per lunghi periodi. Non si conoscono però alcuni aspetti pratici: 1- Quanti scienziati possono abitare al suo interno? 2- Il suddetto personale sarà stabile oppure dopo aver condotto i propri esperimenti passerà il turno ad altri scienziati? 3- Quale sarà la "durata vitale" dell'ISS? (Marco Marini)

La costruzione della stazione orbitante attorno alla Terra, I.S.S. (International Space Station), è iniziata nel 1998.
Il programma prevedeva 45 lanci, da effettuarsi entro il 2005, per portare nello spazio il materiale utile ed assemblare una struttura lunga 120 metri e larga 74. Il tragico incidente occorso alla navetta spaziale (shuttle) al rientro dallo spazio, non consente di rispettare tale termine.

La stazione parcheggia ad un'altezza di 400 Km ed è visibile ad occhio nudo dalla superficie terrestre. Il numero di persone che la ISS potrà ospitare non è definito con precisione. Tenute però presenti le sue dimensioni, tale numero penso sia abbastanza consistente. Esso è diviso in addetti ai lavori (equipaggio, tecnici, scienziati) ed ospiti a pagamento. Queste categorie di persone non sono stabili a bordo della stazione, ma si alternano periodicamente in relazione ai programmi ed alle disponibilità della navetta che svolgerà il ruolo di traghetto tra la Terra e la ISS.
La durata della stazione in orbita dipende dal suo stato di conservazione e dalla manutenzione che, periodicamente, dovrà essere effettuata sulle apparecchiature e sulle strutture, nonché dalla sua stabilità in orbita.

Come si può facilmente capire l'aspetto più delicato ed anche più costoso del progetto è rappresentato dal collegamento tra la base, che è la Terra, e la stazione.
La possibilità di far soggiornare sulla stazione comuni cittadini rappresenta l'aspetto più interessante, anche se il costo di 20 milioni di dollari risulta abbordabile solo per pochi. Pare comunque che le prenotazioni per un soggiorno nello spazio siano già abbastanza numerose.


 
 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 10, anno 2003)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page