home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Il volto del cielo nel 2003

articolo di Sordoni Alessandro

per vedere tutte le immagini selezionare una delle anteprime

È iniziato un nuovo anno e gli astri riposano ancora distesi sul manto di velluto blu, aspettando lo sguardo di occhi curiosi intenti ad ammirare il suo fine tessuto. È incredibile come il cielo possa rappresentare l’unico punto d’incontro di tante migliaia di occhi allo stesso momento, illuminando con una quantità infinita di stelle questa piccola sfera rotonda così insicura nel cielo della notte. Abbandonando le riflessioni filosofiche, passiamo a vedere cosa ci riserverà questo fantastico mondo che vive sopra le nostre teste. Per quanto concerne la nostra compagna di viaggio, la Luna, uno degli eventi più importanti di tutto il 2003 sarà proprio la sua scomparsa totale nell’ombra della Terra. Il nostro satellite si nasconderà nel cono d’ombra terrestre durante la notte fra l’8 e il 9 del mese di novembre. Sarà la seconda eclissi totale di Luna, in quanto la prima, il 16 Maggio, sarà visibile in minima parte dalle nostre regioni. La Luna si prenderà la sua rivincita il 31 Maggio, quando sarà la responsabile di un’eclissi anulare di Sole, che interesserà ben poco le nostre regioni, in quanto terminerà all’alba. Mercurio farà la sua apparizione più favorevole dell’anno nel mese di Aprile: il pianeta diventerà sempre più alto di giorno in giorno e ritarderà sempre il suo tramonto fino al giorno 16 nel quale tramonterà due ore dopo del Sole. Verso la fine del mese di Luglio, formerà una coppia molto stretta con Giove e con una sottilissima falce di Luna che disegnerà nel cielo un triangolo con i due pianeti. All’incontro parteciperà anche Regolo che si troverà a meno di un grado da Mercurio. Il fenomeno si ripresenterà anche a Settembre con un allineamento Regolo, Giove, Mercurio. Il 7 Maggio vi sarà il passaggio di Mercurio sul Sole. Venere continuerà l’apparizione mattutina iniziata alla fine dell’anno scorso e andrà pian piano scomparendo nell’aurora mattutina, fino a rendersi praticamente invisibile nel mese di Giugno. Da Luglio comincerà la sua lenta ascesa dal chiarore del tramonto fino a Dicembre, durante il quale comincerà ad uscire dai bagliori del crepuscolo serale per apparire in tutto il suo splendore come stella della sera.

Il 2003 sarà l’anno della grande opposizione di Marte che diventerà via via più luminoso fino a raggiungere magnitudini di –2,9 quando sarà in opposizione nel mese di Agosto. La minima distanza dalla Terra verrà raggiunta il giorno 27 a mezzogiorno, l’opposizione si avrà il giorno dopo e il pianeta passerà al perielio il giorno 30. L’unico fattore che disturberà l’osservazione potrebbe essere l’atmosfera, in quanto il pianeta è basso sull’orizzonte (-15°) alle nostre latitudini. Per quanto riguarda Giove, brillerà alto nei primi mesi del 2003 per poi andarsi a nascondere nei bagliori del crepuscolo serale durante i mesi estivi, avviandosi alla congiunzione con il Sole nel mese di Agosto. Da Settembre comincerà ad essere visibile all’alba sempre in condizioni via via migliori fino ad anticipare la sua ascesa, nel mese di Dicembre, di quasi mezz’ora ogni settimana. Passiamo ora a Saturno che, in questo periodo, troveremo ancora al bordo della costellazione del Toro, a nord di Orione. Rimarrà nel Toro fino a Maggio, anche se sarà sempre più difficile osservarlo a causa dell’avanzata molto rapida del crepuscolo. Infatti a Giugno scomparirà completamente nel crepuscolo serale e, dopo la sua congiunzione con il Sole il giorno 24, nella seconda metà del mese di Luglio ricomparirà basso nel chiarore dell’aurora. Da Agosto sarà osservabile sempre più alto nel crepuscolo nella costellazione dei Gemelli fin quando a Settembre, ormai alto nel cielo del mattino, mostrerà lo spettacolo dei suoi anelli che saranno alla loro massima inclinazione. A Novembre sarà facilmente osservabile già a partire dalla tarda serata e, a Dicembre, lo ritroveremo nella costellazione dei Gemelli, praticamente visibile per tutta la notte: sarà infatti in opposizione l’ultimo giorno dell’anno.

Infine non dimentichiamo gli spettacoli offerti dai due sciami meteorici più noti, le Perseidi e le Leonidi. Il loro rendez-vous con la Terra è previsto rispettivamente per il 12 Agosto e per il 18 Novembre. Riguardo alle prime, l’osservazione sarà disturbata da una Luna di 14 giorni di età, mentre per le seconde la Luna sarà all’ultimo quarto.


 
Marte
Marte

 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 8, anno 2003)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page