home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Decollare in aereo verso altri pianeti?

articolo di Veltri Mario

per vedere tutte le immagini selezionare una delle anteprime

Tempo fa ho visto in un documentario comuni aerei partire da comuni aeroporti non da un luogo ad un altro, bensì dalla Terra verso altri pianeti. Secondo me la cosa è fattibile cambiando il software di volo dei singoli velivoli (Jumbo jet, Tupolev, ecc.). Lei che parere esprime in questione? (Marco Marini)

Direi che si tratta di una questione di fantasia e non di cambio del software negli aerei.
Per poter mettere in orbita attorno alla Terra un satellite artificiale, partendo dalla superficie terrestre, occorrono velocità superiori a 7,9 Km/sec (orbita circolare). Al di là di tale velocità le orbite diventano via,via sempre più ellittiche. Con una velocità pari ad 11,2 Km/sec l'orbita diventa parabolica. Solo con tale velocità (detta velocità di fuga) l'aereo potrebbe abbandonare la Terra e sfuggire all'attrazione  della gravitazione. Naturalmente questo in via teorica e senza tener conto della presenza dell'atmosfera che complica le cose.

Nessun aereo comune può raggiungere velocità di 11,2 Km/sec (40328 Km/h) con un semplice decollo da un comune aeroporto. Occorrono speciali rampe di lancio dotate di quella prodigiosa macchina che si chiama razzo a più stadi. Solo questo propulsore può fornire la spinta utile a far raggiungere le suddette velocità e superare così l'attrazione gravitazionale e l'atmosfera terrestre. Il resto è fantascienza.


 
Decollo da Cape ...
Decollo da Cape ...

 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 7, anno 2002)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page