home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

La ricerca scientifica di base

articolo di Veltri Mario

Qualche mese fa, in un bell'articolo apparso sul Corriere della Sera, il direttore generale del CERN di Ginevra Ralf Dieter Heuer ha spiegato, in maniera semplice e comprensibile a tutti, il valore che la ricerca di base riveste per l'avanzamento della conoscenza scientifica e per le applicazioni possibili in diversi settori della tecnologia, dalla medicina all'informatica. Sull'argomento egli ha raccontato un episodio assai significativo, che ha per protagonista Michael Faraday. L'illustre fisico inglese, alla domanda di William Gladstone, in visita ai suoi laboratori di
Elettromagnetismo, "Interessante, ma qual è il suo uso pratico?", fornisce una risposta carica di humor e di preveggenza: "Al momento non saprei, sir, ma è assai probabile che in futuro ci metterete una tassa sopra".

L'avanzamento della comprensione delle leggi della natura ha portato sempre, prima o poi, ad un cambiamento di vita dell'uomo. Se 150 anni fa ciò avveniva in laboratori semplici come quello di Faraday, oggi è necessario, date le sofisticate tecnologie richieste, un laboratorio come quello del CERN, il più grande del mondo, nato nel 1954 col preciso scopo di dar vita ad una struttura ove ricerca di base, tecnologia e formazione possano coesistere.

Le scoperte di Faraday cambiarono la vita dell'uomo, così come la scoperta dell'antimateria da parte di Dirac nel 1929 permise un'importante applicazione come la PET per la diagnosi e la cura dei tumori.
L'osservazione di Gladstone viene ripetuta ancora oggi con una certa ignoranza: "La scoperta della particella compatibile col Bosone di Higgs, avvenuta lo scorso anno al CERN, a che serve?". Noi possiamo affermare che la scoperta di un meccanismo che spiega la creazione della materia e la formazione dell'Universo a partire dal Big Bang avrà certamente una ricaduta, che cambierà la nostra vita, anche se oggi non sappiamo dire né come, né quando.


 
 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 39, anno 2013)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page