home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Fenomeni celesti di fine anno

articolo di Marini Alessandro

Finalmente nei prossimi quattro mesi avremo la possibilità di vedere i pianeti Saturno e Giove, in un orario più comodo. Già a metà Ottobre Saturno sarà visibile poco dopo le 20 (ora solare), e giorno dopo giorno anticiperà il suo sorgere. Il 7 Ottobre sarà vicinissimo alla Luna e il 3 Novembre sarà protagonista di un’occultazione lunare, intorno alle 23, ben visibile da tutta l’Italia; il 3 Dicembre sarà in opposizione al Sole, cioè nel punto della sua orbita più vicino alla Terra, favorendo l’osservazione dei suoi maestosi anelli. Giove sorge più tardi di Saturno e comincerà a vedersi prima delle 23 (ora solare), a partire da Ottobre; il 6 Novembre sarà in congiunzione con la Luna, e il 3 e il 30 Dicembre le sarà di nuovo vicinissimo. Marte, visibile nella prima parte della notte, il 4 Novembre sarà in congiunzione con Nettuno, e il 26 con Urano. Il 18 Novembre cade la data di massima attività dello sciame meteorico delle Leonidi, e noi saremo all’Osservatorio ad attenderle. Entro la fine dell’anno potrebbe rendersi visibile una cometa, denominata C/2000 WM1 LINEAR. Si prevede che a Dicembre essa possa arrivare alla quarta o quinta magnitudine, ma la massima luminosità sarà raggiunta a Gennaio del 2002, quando essa sarà ormai visibile solo dall’emisfero sud. Dobbiamo però ricordare che le previsioni sulla luminosità delle comete sono difficili: esse spesso deludono le aspettative. Il 14 Dicembre si verificherà un’eclissi anulare di Sole, visibile solo nell’Oceano Pacifico e in America centrale, fino al Mar dei Caraibi. Un’eclissi di Luna di penombra si verificherà il 30 Dicembre, ma non sarà visibile dall’Europa.


 
 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 4, anno 2001)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page