home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Il mondo di Lutetia

articolo di Masiero Sabrina

per vedere tutte le immagini selezionare una delle anteprime

Sabato 10 luglio 2010 l'asteroide Lutetia è stato osservato da vicino dalla sonda Rosetta dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), di cui l'Italia è uno dei Paesi Membri. Per la prima volta abbiamo delle immagini molto ravvicinate di un asteroide della Fascia principale compresa tra Marte e Giove, che ci potrà raccontare la storia del nostro Sistema Solare.

Il fly-by è stato un grande successo che Rosetta ha compiuto senza grossi problemi avvicinandosi fino a circa 3.162 chilometri dalla sua superficie con una velocità relativa di 54.000 km/h. L'obiettivo principale della missione era di determinare meglio la superficie dell'asteroide, la sua natura polverosa, il campo magnetico, l'esosfera, ma, in particolare, studiare l'origine della sua inusuale colorazione. Lutetia, con un diametro di circa 100 chilometri, è sufficientemente piccolo da non aver abbastanza massa da far sì che la gravità lo "sagomi" in una forma sferica.

Le immagini raccolte dallo strumento OSIRIS a bordo di Rosetta mostrano un corpo con profondi crateri registrati nei 4.6 miliardi di anni della sua esistenza e una forma allungata con la parte più lunga che tocca i 130 chilometri. Le immagini e i dati raccolti permetteranno di dare una risposta più precisa a questo oggetto. Nel frattempo, la sonda continuerà verso il suo target finale, la cometa Churyumov-Gerasimenko. Il rendezvous si avrà nel 2014. Rosetta accompagnerà la cometa per mesi, dal momento in cui inizierà a trovarsi nella regione di Giove, lontano dal Sole, fino al suo massimo avvicinamento alla nostra stella. Nel novembre 2014 Rosetta sgancerà la sonda Philae per un atterraggio sul nucleo della cometa. "Sarà un grande giorno per l'esplorazione, un grande giorno per la scienza europea. La precisione sui tempi è il meritato riconoscimento agli scienziati e agli ingegneri di tutti i nostri Paesi Membri, alla nostra industria e, non ultimo, all'ESA stessa" ha affermato David Southwood, Direttore del Science and Robotic Exploration dell'ESA. Appuntamento quindi per il 2014 ancora con Rosetta per una nuova, grande avventura cometaria.

Da sottolineare il grande contributo alla missione dato dal Prof. Cesare Barbieri del Dipartimento di Astronomia dell'Università degli Studi di Padova come Responsabile delle Operazioni Scientifiche e di progettazione della Wide Angle Camera per il sistema OSIRIS a bordo di Rosetta.
Per maggiori informazioni sulla missione: www.unipd.it/uniscienze/articoli/doc/sorvolo_asteroide_lutetia.pdf (del Prof. Barbieri).


 
L'asteroide Lute...
L'asteroide Lute...

Ingrandimento de...
Ingrandimento de...

Crateri sulla su...
Crateri sulla su...

 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 31, anno 2010)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page