home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Appello per il Museo Copernicano di Roma

articolo di Veltri Mario

per vedere tutte le immagini selezionare una delle anteprime

Da una quarantina di studiosi, accademici e docenti universitari, per la maggior parte polacchi, residenti in Italia, viene un appello, diffuso via Internet, per il riordino dei cimeli facenti parte dell'importantissima collezione del Museo Copernicano di Roma. Si chiede il ritorno ad una esposizione pubblica che corrisponda e sia conforme ai requisiti dell'atto di donazione del fondatore, cittadino polacco Arthur Wolynski, militante dell'insurrezione detta di gennaio (1863). Dopo l'insuccesso dell'insurrezione, Wolynski si trasferì in Francia come tanti altri militanti. Successivamente rientrò in Italia dove sviluppò un' intensa attività di ricerca e diffusione degli studi e della cultura polacca. Una delle sue attività riguarda appunto l'ideazione di un Museo Copernicano ove raccolse molti reperti preziosi e rari, coinvolgendo, nella selezione e raccolta, gli emigrati polacchi e i concittadini in patria, nonché gli osservatori astronomici di mezzo mondo. Nel 1867 la collezione contava in tutto 2506 oggetti di grandissimo valore storico e culturale. Il museo subì varie peripezie fino ad essere riunito all'osservatorio astronomico di Monte Mario a Roma. L'appello è diffuso dal Comitato per la Salvaguardia della Cultura Europea e porta la firma del coordinatore generale Costanzo D'Agostino.


 
Veduta di Monte ...
Veduta di Monte ...

 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 26, anno 2009)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page