home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Nettuno, l'ultimo pianeta

articolo di Rinaldo Carlo

per vedere tutte le immagini selezionare una delle anteprime

Nel precedente numero di Pulsar abbiamo parlato di Urano, proseguiamo ora parlando di Nettuno, che è l'ultimo pianeta del Sistema Solare, in base alle recenti decisioni dell'Unione Astronomica Internazionale. A differenza di Urano, scoperto per caso, Nettuno fu cercato di proposito dopo averne calcolato la posizione in base alla legge di Newton: infatti si erano notate delle irregolarità nell'orbita di Urano e giustamente si era supposto che esse fossero causate dall'influenza gravitazionale di un altro pianeta. Già nel 1841 Adams, un giovane studente inglese, aveva effettuato i relativi calcoli, che però non furono presi sul serio. Nel 1846 i calcoli furono rifatti, indipendentemente, dal matematico francese Le Verrier e trasmessi all'astronomo tedesco Galle, il quale, nel giro di mezz'ora, individuò il nuovo pianeta nella posizione prevista. Galileo aveva già osservato Nettuno nel 1613 ma lo aveva ritenuto una stellina, osservando però che forse si era spostata.

Nettuno è poco più piccolo di Urano, ruota in circa 14 ore e orbita intorno al Sole in 165 anni, alla distanza di 30 U.A. (Unità Astronomiche). Il Sole arriva su Nettuno con una intensità 900 volte minore che da noi. L'osservazione ravvicinata ha mostrato due macchie scure con una chiara in mezzo. L'atmosfera ha la temperatura di -213°C ed è percorsa da bufere con venti a oltre 700 km/h e forse fino a 2.000.

Nettuno ha cinque anelli molto sottili e la cui composizione è ancora ignota; tre sono completi e due ridotti a brevi archi. I satelliti scoperti finora sono 13, tutti piccoli, scuri e ghiacciati. Il maggiore, Tritone, è più piccolo della nostra Luna, ha una superficie ghiacciata a -238° C e presenta una brina rosa di metano sulla calotta polare sud. Venne scoperto nel 1846, appena 17 giorni dopo la scoperta di Nettuno. Gli altri satelliti principali sono Nereide, Proteo e Larissa. Una sola sonda spaziale ha esplorato Nettuno, la Voyager 2, nel 1989, fotografando l'atmosfera, gli anelli e i satelliti.


 
Nettuno ripreso ...
Nettuno ripreso ...

Foto di Tritone ...
Foto di Tritone ...

Adams, dall’Ingh...
Adams, dall’Ingh...

 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 23, anno 2008)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page