home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

L'Osservatorio al Conero

articolo di Sbaffi Fabrizio

per vedere tutte le immagini selezionare una delle anteprime

E’ da molto tempo che culliamo il progetto di costruire un nuovo osservatorio a Monte Conero. Senza nulla togliere al glorioso "P. Senigalliesi" di Pietralacroce, l’ormai insopportabile inquinamento luminoso del posto rende il progetto una necessità. Certo, il lavoro da svolgere perché da mero progetto diventi realtà è imponente, ma dopo un attenta analisi da parte di alcuni soci impegnati, si è deciso di passare alla parte operativa. Il primo passo è stato compiuto con l’acquisto di uno specchio da 500 mm di diametro e di focale 2460 mm destinato ad un nuovo strumento portatile. Si tratta di un "Dobson" quindi con montatura Altazimutale; questo rende un po’ difficoltoso l’inseguimento degli astri, ma in compenso il grande campo abbracciato e la sua luminosità permettono osservazioni qualitativamente migliori.

L’assemblaggio dello specchio, del deviatore, e del traliccio portante è già in corso da parte di alcuni soci, dotati di elevata manualità. Il secondo passo da compiere sarà la realizzazione dell’osservatorio vero e proprio. Abbiamo pensato a due prefabbricati in legno, sovrapposti. Se il progetto andrà a buon fine, il nuovo strumento sarà montato su una nuova montatura equatoriale o su quella recuperata da Pietralacroce. In questo ultimo caso, dato che il "Senigalliesi" non sarà abbandonato, acquisteremo una montatura per il 350 m/m. A prezzi di mercato l’operazione vale dai 100 ai 200 milioni, ma con il fattivo apporto dei soci e la collaborazione degli enti interessati, la spesa potrà essere contenuta al livello di 50 milioni. Il nuovo Osservatorio, per il quale sono stati esaminati diversi siti, interesserà i comuni sui quali insiste territorialmente il Monte Conero: Ancona, Camerano, Sirolo, Numana, Osimo; anche Senigallia e Civitanova sono interessati. Poiché il costo stimato sarà ripartito in più anni e tra più enti, l’impegno finanziario risulta facilmente sostenibile, basta un po’ di buona volontà (da parte degli enti) e di iniziativa (da parte di tutti). Dateci i soldi! Al resto pensiamo noi.


 
Lo specchio da 5...
Lo specchio da 5...

Il Dobson
Il Dobson

 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 3, anno 2001)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page