home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Energia dalla Luna

articolo di Veltri Mario

per vedere tutte le immagini selezionare una delle anteprime

Qualche mese fa ho letto (non ricordo dove) una notizia che mi è sembrata molto interessante e meritevole di essere portata a conoscenza dei nostri lettori.

L'elemento chimico Elio, presente in grande quantità sulla Terra e nell'atmosfera, ha un isotopo che si chiama Elio-3 (He-3) il quale è presente in modestissime dosi sulla Terra e in grandissime quantità sulla Luna. Questo isotopo dell'Elio non è radioattivo ed è stato individuato come combustibile ideale per produrre energia nel processo di fusione nucleare con il Deuterio. In tale processo si produrrebbero pochissime scorie radioattive. Siccome l'He-3 è un sottoprodotto della fusione dell'Idrogeno nel Sole, esso viene trasportato dal vento solare e, in centinaia di migliaia di anni, si è depositato sulla superficie della Luna.

Premessa l'esistenza sulla Luna di He-3 in grandi quantità, due sono i problemi da risolvere. Il primo riguarda le tecnologie di utilizzazione dell'He-3 che allo stato attuale, sono ancora molto arretrate; il secondo riguarda l'approvvigionamento del prezioso isotopo ed il suo trasporto dalla Luna alla Terra. L'Istituto per la Tecnologia della Fusione (FTI) dell'Università del Wisconsin pare sia ben avviato nella soluzione del primo problema, per il secondo la Russia afferma che entro il 2020 prevede di iniziare l'estrazione ed il trasporto sulla Terra dell'He-3 lunare. Per fare ciò sta mettendo a punto un sistema di trasporto che dovrebbe utilizzare come ponte la Stazione Spaziale Internazionale. Secondo i più accreditati studiosi, le riserve di idrocarburi, mantenendo gli attuali livelli di consumo, potrebbero bastare al massimo per altri cento anni. Ciò spiegherebbe la corsa ad accaparrarsi le riserve energetiche giacenti sul suolo lunare sotto forma di He-3.

Questa notizia ve la fornisco così come io l'ho letta e la ricordo, aggiungendo che non ne ho trovato conferma in nessun'altra pubblicazione, neanche sui testi che trattano della composizione del suolo lunare dedotta dall'analisi delle rocce e delle polveri riportate sulla Terra dagli astronauti delle missioni Apollo.


 
L'uomo sulla Lun...
L'uomo sulla Lun...

 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 19, anno 2006)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page