home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

Marte protagonista dell'autunno 2005

articolo di Marini Alessandro

La "Grande Opposizione" di Marte del 2003, molto pubblicizzata da giornali e televisioni, ha richiamato all'Osservatorio "Senigalliesi", nell'arco di una settimana circa un migliaio di persone che, oltre ad osservare Marte, hanno assistito alle esaurienti spiegazioni del fenomeno fornite dal prof. Mario Veltri e dal prof. Adolfo Amici. Un breve resoconto di quelle serate è riportato anche sul sito web dell'Unione Astrofili Italiani (www.uai.it), che ci ha riservato un piccolo spazio. Al momento dell'osservazione al telescopio comunque molti si sono dichiarati delusi, perché il Pianeta Rosso mostra meno particolari di Giove e Saturno, suoi compagni di viaggio attorno al Sole tra i più ammirati all'Osservatorio.

Come già accennato nello scorso numero di Pulsar e come sicuramente sarà ripetuto dai mass media, anche l'opposizione marziana di quest'anno sarà molto favorevole. Il pianeta non si avvicinerà alla Terra come nel 2003, ma sarà più alto in cielo.
Due anni fa il punto di massimo avvicinamento fu a 55.746.999 km dalla Terra e il Pianeta si trovava nella costellazione dell'Acquario, con un diametro apparente di 25,1 secondi d'arco. Una situazione paragonabile a quella si ripeterà solo nel 2082.
Quest'anno sarà nel punto più vicino alla Terra il 30 ottobre, con una distanza da noi pari a 69.448.972 km, diametro apparente di 20,2 secondi d'arco e magnitudine -2,3. Marte sarà nella costellazione dell'Ariete circa 30 gradi più alto sull'orizzonte rispetto al 2003 e ciò comporterà una maggior nitidezza delle immagini.
L'opposizione cadrà invece il 7 novembre. Ricordiamo che si dice che un pianeta è in opposizione al Sole quando ha 12 ore di differenza di ascensione retta con il Sole stesso: in pratica quando il Sole tramonta il pianeta sorge.
Le date dell'opposizione e della minima distanza da noi non coincidono per il fatto che le orbite dei pianeti sono ellissi e non cerchi.
Anche nell'occasione di questa opposizione l'A.M.A. ha previsto l'apertura dell'Osservatorio nelle serate del 30 ottobre e del 7 novembre. Già dall'estate appena trascorsa è stato comunque possibile vederlo sorgere in tarda serata e si potrà osservare anche per tutta la primavera del 2006.


 
 
osservatorio
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 16, anno 2005)

> ritorna alla pagina precedente
> ritorna alla home page