home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

conoscere il cielo

LE SCHEDE DI FIORISA

6. La costellazione di Orione

In questo numero concentriamo la nostra attenzione sulla costellazione di Orione, che domina il cielo invernale, passando in meridiano a mezzanotte a metà dicembre. È una delle costellazioni più antiche: nacque probabilmente con i Sumeri, che vedevano in essa l’eroe Gilgamesh che combatteva contro il Toro. Secondo la mitologia greca, Orione era un gigantesco cacciatore, figlio di Poseidone e di Euriale, figlia del re di Creta Minosse. Egli era accompagnato dai suoi cani, le vicine costellazioni del Cane maggiore e del Cane Minore. Secondo una versione del mito, Orione era intento ad inseguire le Pleiadi, di cui era innamorato. Sulla sua morte ci sono varie storie, la più famosa delle quali è stata raccontata nello scorso numero di Pulsar, parlando dello Scorpione. Secondo un’altra leggenda, la dea Artemide (Diana) lo avrebbe ucciso per errore durante una prova di abilità al tiro con l’arco.

La costellazione è identificabile come un quadrilatero di stelle luminose, con al centro un allineamento di tre stelle, noto come "Cintura di Orione". La spalla orientale è individuata da Betelgeuse, a Orionis: è una stella gigante rossa variabile, con una magnitudine che varia tra 0,3 e 0,6 in un periodo di circa cinque anni; dista da noi 65 anni luce. In realtà non è la stella più brillante della costellazione, poiché è superata da Rigel, b Orionis, di magnitudine 0,1. Rigel identifica il piede sinistro di Orione, appare di un colore bianco-azzurro e dista da noi oltre 700 anni luce. La spalla occidentale è individuata da g Orionis, nota come Bellatrix, in latino "la Guerriera", di magnitudine 1,6. La stella che segna il ginocchio destro del cacciatore è k Orionis, detta Saiph. Le tre stelle della cintura sono note con i nomi di Alnitak, Alnilam e Mintaka. Sotto di esse si può scorgere una macchiolina evanescente: è la Nebulosa di Orione, M42, una nube di gas con stelle in formazione, la cui distanza è stimata in 1600 anni luce. È uno degli oggetti più affascinanti del cielo.

Carta di Orione
La costellazione di Orione

Cacciatore
Il cacciatore Orione
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 7, anno 2002)

> ritorna alle schede di Fiorisa
> ritorna alla home page