home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

conoscere il cielo

LE SCHEDE DI FIORISA

10. La costellazione dei Gemelli

Ci occupiamo questa volta dei Gemelli, costellazione zodiacale che culmina a mezzanotte all'inizio di gennaio e che è perciò ben visibile fino a primavera. Secondo la mitologia greca, i Gemelli rappresentano Castore e Polluce, i "Dioscuri", entrambi figli di Leda, regina di Sparta, ma di padre diverso: il primo era figlio di Tindaro, marito di Leda, il secondo di Giove. Di conseguenza Polluce era immortale, mentre Castore era mortale. Essi crebbero insieme come veri gemelli e svolsero un ruolo importante nella spedizione degli Argonauti per la conquista del vello d'oro. Si racconta che, durante il viaggio, essi si batterono, per questioni amorose, con un'altra coppia di gemelli, Ida e Linceo. Nel combattimento Castore rimase ucciso: Polluce pianse tanto la perdita del fratello che Giove decise di concedere ad entrambi l'immortalità, collocandoli in cielo.

La stella più brillante di questa costellazione è b (beta) Geminorum, o Polluce, di magnitudine 1.1; è di colore arancione e si trova ad una distanza di circa 34 anni-luce. La stella a (alfa) Geminorum si chiama Castore ed è una bellissima stella doppia; le due componenti, visibili al telescopio, sono di magnitudine 1.9 e 2.9 e sono separate da due secondi d'arco. Sempre al telescopio si nota che, a circa 3 secondi d'arco, vi è un'altra stella, di magnitudine 8.8. Queste tre stelle, a loro volta, sono doppie spettroscopiche: in conclusione, Castore è un sistema sestuplo.

L'ammasso più brillante della costellazione è M 35, senza dubbio uno degli spettacoli più belli del catalogo Messier; è un ammasso aperto che si trova a circa 2500 anni luce da noi ed è composto da circa duecento stelle. Già visibile con un binocolo, è un oggetto veramente molto bello se osservato al telescopio e in condizioni di cielo molto buio: nello stesso campo si può vedere anche l'ammasso aperto NGC 2159, distante 16000 anni luce. Altro oggetto interessante ma difficile da osservare è la nebulosa planetaria "Eskimo" o "Maschera da Clown", scoperta dall'astronomo William Herschel nel 1787 e classificata con la sigla NGC 2392: il suo disco ha un colore verde-blu e al centro è presente una stella.

Gemelli
La costellazione dei Gemelli

M 35
L'ammasso aperto M35
Questo articolo è stato pubblicato sul giornalino Pulsar (numero 11, anno 2004)

> ritorna alle schede di Fiorisa
> ritorna alla home page