home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona

il dizionario

I TERMINI DELL'ASTRONOMIA ( A )

aberrazione astronomica (o aberrazione della luce)
Variazione apparente della posizione di un astro dovuta al movimento della Terra e alla velocità finita della luce. L'aberrazione annua, scoperta da Bradley nel 1727, dipende dal moto di rivoluzione, quella diurna dal moto di rotazione.
aberrazione cromatica
Deformazione di un'immagine, intorno alla quale si forma un'alone colorato, dovuta alla decomposizione della luce da parte dell'obiettivo, che si comporta da prisma.
aberrazione ottica
Difetto nell'immagine prodotta da una lente o uno specchio. In particolare si può trattare di aberrazione cromatica, aberrazione sferica, chioma, astigmatismo, curvatura di campo e distorsione.
aberrazione relativistica (relativistic beaming)
Fenomeno per cui se una sorgente di fotoni viaggia alla velocità prossima alla velocità della luce, i fotoni si dispongono in un cono con un'apertura che dipende inversamente dalla velocità della sorgente.
aberrazione sferica
Difetto ottico di una lente sferica, che non riflette tutti i raggi nello stesso punto.
acceleratore
Macchina che accelera particelle ad alta velocità aumentandone la massa (ovvero la l'energia) rispetto alla loro energia di riposo.
accelerazione (a) 
Grandezza fisica definita come la variazione (derivata) della velocità nel tempo. Nel Sistema Internazionale l'accelerazione lineare si misura in m s-2. L'accelerazione è detta centripeta quando è rivolta verso il centro, tangenziale quando è diretta lungo la tangente alla traiettoria.
accelerazione angolare (α)
Grandezza fisica definita come la variazione (derivata) della velocità angolare nel tempo. Nel Sistema Internazionale si misura in rad s-2.
accelerazione di gravità (g)
Accelerazione di un oggetto che cade verso la superficie in un corpo spinto dalla forza di gravità. Sulla Terra vale circa 9,8 m s-2.
acromatico
Sistema ottico privo di aberrazione cromatica.
adroni
Famiglia, suddivisa in mesoni e barioni, di particelle elementari composte da quark legati dall'interazione forte.
aerolite
Tipo di meteorite che contiene ossidi di carbonio, di silicio e di ferro
afelio
Punto dell'orbita di un pianeta la cui distanza dal Sole è massima. La Terra passa all'afelio nel mese di luglio.
albedo
Numero compreso tra 0 e 1 che esprime la frazione della luce riflessa da un corpo celeste.
alluminatura
Deposizione di un sottile strato di alluminio sulla superficie dello specchio di un telescopio.
almanacco
Libro che contiene le posizioni anne dei pianeti e degli altri corpi celesti.
alumcàntarat
Cerchio minore sulla sfera celeste parallelo all'orizzonte, che unisce i punti con la stessa altezza.
alone
Figura di luce circolare che si manifesta intorno agli oggetti celesti.
alone di materia oscura (DH)
Regione di materia oscura, all'interno del quale si è disposto il gas dei barioni in cui si sono formate le prime stelle.
alone galattico
Regione sferica che circonda una galassia a spirale in cui si trovano i vecchi ammassi globulari.
alone radio
Regione sferica del diametro di diversi anni milioni di anni luce, che emette radiazione di sincrotrone alle frequenze radio. E' associata ad un ammasso di galassie con un complesso stato dinamico. 
altezza (h)
Una delle coordinate altazimutali, corrispondente all'arco di meridiano tra l'orizzonte e l'astro. Viene misurata in gradi sessagesimali da 0° a 90° con il segno positivo (dall'orizzonte allo zenit) o negativo (sotto l'orizzonte fino al nadir).
ammasso aperto
Ammasso stellare situato nel disco della Galassia e contenente migliaia di stelle giovani e molto luminose.
ammasso di Galassie
Gruppo di galassie legate dall'attrazione gravitazionale. La nostra Galassia appartiene al cosiddetto Gruppo Locale.
ammasso globulare (cluster)
Ammasso sferico situato nell'alone della Galassia e contenente centinaia di migliaia di stelle molto vecchie e ravvicinate.
ammasso stellare
Gruppo di stelle fisicamente vicine e con un'origine comune. Gli ammassi possono essere aperti e globulari.
analemma
Forma a 8 ottenuta segnando in un anno la posizione del Sole nel cielo ad un'ora prefissata.
anello
Struttura concentrica che circonda i grandi pianeti esterni (Giove, Saturno, Urano e Nettuno), costituita da corpi e pulviscolo che la forza di marea impedisce di raggrupparsi in un satellite.
angolo di posizione (θ)
Angolo di cui bisogna ruotare la croce dei fili di un micrometro filare.
angolo di separazione (ρ
Distanza in secondi d'arco tra due astri, misurata con un micrometro filare.
angolo orario (H)
Una delle coordinate equatoriali, corrispondente all'arco sull'equatore celeste tra il meridiano celeste e il meridiano passante per l'astro. Viene misurato in ore, minuti e secondi in senso antiorario.
angstrom (Å)
Unità di lunghezza equivalente a 10-8 cm utilizzata per la luce.
anisotropia
Caratteristica di un corpo in cui le proprietà dipendono dalla direzione.
annichilazione
Processo di trasformazione di massa in energia nello scontro tra una particella e la corrispondente antiparticella. Le eventuali particelle prodotte devono rispettare la conservazione dell'energia, della quantità di moto e delle cariche.
anno
Intervallo di tempo in cui la Terra compie un'orbita intorno al Sole. Ha una lunghezza che dipende dal punto preso come riferimento.
anno anomalistico
Periodo orbitale misurato tra due passaggi della Terra al perielio (365,25964134 giorni = 365g 6h 10m).
anno astronomico
Periodo definito da due passaggi consecutivi della Terra per lo stesso punto della sua orbita.
anno besseliano (o annus fictus)
Anno tropico il cui inizio è convenzionalmente fissato quando la longitudine media del Sole è 280°.
anno bisestile
Anno che contiene 366 giorni, introdotto per recuperare la frazione di giorno persa ogni anno.
anno civile
E' l'anno dei calendari, utilizzato per l'uso comune, che inizia all'inizio di un giorno medio e contiene un numero intero di giorni (365). Per mantenere l'accordo con l'anno tropico si aggiunge un giorno, detto bisestile, ogni 4 anni.
anno delle eclissi
Tempo impiegato dal Sole per passare allo stesso nodo (346,62 giorni).
anno draconico
Periodo orbitale misurato tra due passaggi della Terra al nodo lunare ascendente (346g 14h 53m).
anno giuliano
Periodo lungo 365,25 giorni, utilizzato come misura standard.
anno luce
Unità di misura della lunghezza definita come la distanza percorsa nel vuoto dalla luce in un anno. Un anno luce equivale a 9,46 x 1015 m.
anno siderale (o sidereo)
Periodo orbitale in cui il Sole percorre l'eclittica, misurato rispetto alle stelle fisse (365,25636042 giorni = 365g 6h 10m). E' più lungo dell'anno tropico a causa della precessione degli equinozi.
anno tropico
Periodo orbitale misurato tra due passaggi della Terra al punto gamma (365,24219879 = 365g 5h 49m). E' più breve dell'anno siderale a causa della precessione degli equinozi. Nell'anno besseliano l'inizio dell'anno tropico è fissato quando la longitudine del Sole è 280° (intorno al 1 gennaio).
anomalia
Coordinata polare che misura l'angolo rispetto ad un semiasse di origine, utilizzato per studiare il moto circolare.
antenna
Dispositivo che trasmette e riceve segnali radio. In radioastronomia si utilizzano i riflettori parabolici.
anticiclone
Regione planetaria atmosferica in cui la pressione aumenta verso il centro.
antimateria
Materia composta di antiparticelle.
antiparticella
Particella elementare teorizzata da Dirac nel 1931, che rispetto alla sua particella coniugata ha massa identica ma altre caratteristiche opposte (per esempio la carica elettrica).
apertura (D)
In un telescopio è il diametro della lente dell'obiettivo o dello specchio, in un radiotelescopio è la dimensione dell'antenna.
àpice
Punto della sfera celeste, che si trova nella costellazione di Ercole, verso il quale sembra dirigersi il sistema solare rispetto alle stelle della Galassia.
apocromatico
Un obiettivo composto da tre o più elementi che minimizza l'aberrazione cromatica.
apogeo
Il punto dell'orbita della Luna o di un satellite in orbita terrestre la cui distanza dalla Terra è massima.
àpsidi
I due punti di intersezione tra l'orbita ellittica percorsa da un corpo e il suo asse maggiore (detto linea degli apsidi). Nel caso di un orbita intorno al Sole i punti sono detti afelio e perielio.
archeoastronomia
Studio dell'astronomia nelle civiltà preistoriche.
arco diurno
Porzione di parallelo celeste che il Sole descrive sopra l'orizzonte
arco notturno
Porzione di parallelo celeste che il Sole descrive sotto l'orizzonte.
argomento (ω)
Angolo che descrive l'orientamento di un'orbita nel piano. Nelle orbite intorno al Sole è misurato tra perielio e nodo ascendente.
ascensione retta (A.R., α)
Una delle coordinate equatoriali, corrispondente all'arco di equatore celeste tra il meridiano per il punto γ e il meridiano per il corpo celeste. È simile alla longitudine e viene misurata in ore, minuti e secondi da 0h a 24h in senso antiorario.
aspetto
Posizione relativa di due astri rispetto alla Terra.
asse
La linea immaginaria intorno alla quale ruota un corpo.
asse del mondo
Asse intorno al quale sembrano ruotare tutti gli corpi celesti. Guardando il polo nord celeste la rotazione appare in senso antiorario.
asse di declinazione
Asse perpendicolare all'asse polare, che permette ad un telescopio equatoriale di variare la declinazione.
asse maggiore
In un'orbita ellittica è la linea che congiunge i due fuochi. La sua lunghezza (2a) equivale alla somma costante delle distanze dai fuochi di tutti i punti dell'ellisse.
asse polare (o asse orario)
Asse puntato parallelamente all'asse terrestre intorno al quale ruota un telescopio equatoriale per variare solamente l'ascensione retta.
associazione
Raggruppamento di decine di stelle giovani stelle che si trovano nelle braccia delle galassie a spirale.
assorbimento
Processo che diminuisce l'intensità di una radiazione che attraversa un corpo, che acquista l'energia perduta.
asterismo
Struttura di stelle che non costituisce una costellazione, ma che è conosciuta con un nome (per esempio il Grande Carro).
asteroide
Corpo roccioso del sistema solare con diametro inferiore a 1000 km. Il più grande è Cerere, scoperto nel 1801 da Piazzi, e gran parte di essi si trovano in una fascia tra Marte e Giove.
astro
Corpo celeste generico (stella, pianeta, satellite).
astròfilo
Astronomo non professionista che osserva e studia gli oggetti celesti.
astrofisica
Parte dell’astronomia che studia la natura e l'evoluzione dei corpi celesti applicando le leggi della fisica e della chimica.
astrofotografia
Sinonimo di fotografia astronomica, che utilizza il telescopio e pellicole apposite per ottenere alta qualità nelle immagini degli oggetti celesti.
astrolàbio
Antico strumento astronomico, utilizzato sia per misurare l'altezza di un astro sull'orizzonte, che per avere una riproduzione del cielo osservabile in una qualsiasi data.
astrologia
Arte di antica tradizione che studia gli effetti delle posizioni dei corpi celesti sul destino degli uomini. Fin dalle origini è stata strettamente legata all'astronomia, le cui accurate osservazioni fornivano i dati indispensabili agli astrologi, finché l'adozione del metodo sperimentale ne ha negato il valore scientifico.
astrometria
Parte dell’astronomia che si occupa della misurazione delle posizioni e dei moti degli astri.
astronautica
La scienza e le applicazioni tecnologiche che riguardano la navigazione e l'esplorazione spaziale. L'era
spaziale iniziò nel 1957 con il lancio degli Sputnik, finchè il 21 luglio 1969 Armstrong e Aldrin sono scesi sulla Luna.
astronave
Veicolo per il trasporto degli uomini nello spazio.
astronomia
Scienza di origine antica che studia i corpi celesti. Si divide in parti classiche (astrometria, meccanica celeste, astrofisica, cosmologia) prive di confini netti, tanto che oggi viene suddivisa in relazione alla banda dello spettro elettromagnetico in cui sono osservati gli oggetti (astronomia ottica, radioastronomia, astronomia X, ecc.).
astronomo
Scienziato professionista che studia l'astronomia.
atlante stellare
Raccolta di mappe che riportano la posizione dei corpi celesti.
atmosfera
Strato gassoso più esterno di un pianeta o di una stella.
àtomo
Unità di base di un elemento chimico che ne mantiene le proprietà. È formato da un nucleo carico positivamente, formato da protoni e neutroni, che contiene la maggior parte della massa ed è circondato da elettroni. Ogni elemento ha il suo caratteristico numero atomico (idrogeno = 1, elio = 2, ecc.), che corrisponde al numero dei protoni e, se l'atomo è neutro, al numero di elettroni. Questi ultimi possono occupare solo determinati livelli energetici, e quando passano da un livello all'altro vengono emesse o assorbite onde elettromagnetiche.
attività solare
Insieme di fenomeni osservabili sul Sole (macchie, brillamenti, ecc.) che variano in cicli di 11 anni.
aurora boreale
Aurora osservata a 100 chilometri di altezza da latitudini settentrionali, formata da strisce e archi di luce colorata, dovuta all'eccitazione degli atomi da parte del vento solare.
àzimut (Az)
Una delle coordinate altazimutali, corrispondente all'arco di orizzonte tra il meridiano superiore e il meridiano per il corpo celeste. Viene misurata in gradi sessagesimali da 0° a 360° da sud verso ovest in senso orario.

> ritorna al dizionario
> ritorna alla home page