home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20  

19 - L'EVOLUZIONE STELLARE

Oggi sappiamo che le stelle nascono, invecchiano e muoiono in tempi dell'ordine di milioni e miliardi di anni. Sembra incredibile che siamo riusciti a comprendere queste cose nel breve tempo che abbiamo avuto a disposizione. Infatti gli strumenti necessari sono in uso da poco più di cento anni, un tempo insignificante in confronto alla durata dei fenomeni da studiare. Però in cielo possiamo osservare contemporaneamente stelle di tutte le età, da quelle in formazione a quelle in via di estinzione ed anche i resti delle stelle ormai spente; confrontando le diverse caratteristiche possiamo farci un'idea dell'evoluzione che si svolge in tempi lunghissimi.

Per fare un esempio è come se un extraterrestre avesse soltanto una giornata per comprendere il processo di crescita ed invecchiamento della razza umana. Supponiamo che si fermi in Ancona a Piazza Cavour ad osservare la gente che passa. Vedrà delle persone piccole in carrozzina, altre più grandi che camminano con difficoltà, di taglia media che corrono, persone grandi che camminano spedite, altre più lente e curve. E' probabile che con opportuni ragionamenti e basandosi sull'esperienza fatta nel suo mondo, riuscirebbe a comprendere che sono tutti esponenti della razza umana in diverse età di sviluppo; la stessa cosa abbiamo fatto noi con le stelle.

NASCITA DELLE STELLE

Le stelle, come abbiamo visto per il Sole, si formano per contrazione gravitazionale di una nube di gas e polvere. La temperatura del nucleo della nube aumenta gradatamente per attrito e compressione, fino a raggiungere un livello sufficiente ad innescare le reazioni termonucleari di trasformazione dell'idrogeno in elio. In questa trasformazione 4 nuclei di idrogeno si fondono per formare un nucleo di elio; poiché quest'ultimo ha una massa del 7 per mille inferiore a quella dei 4 nuclei originari, la massa che sparisce si trasforma in energia secondo la famosa formula di Einstein E=mc².
L'energia prodotta provoca un forte aumento della temperatura e della pressione dei gas che così riescono ad opporsi alla caduta di materia verso il centro: la stella si è assestata in un equilibrio idrostatico.

DURATA DELLE STELLE

La durata di una stella è molto variabile e dipende dalla massa e dalla quantità di idrogeno che viene consumata. In una stella in equilibrio l'energia prodotta deve riscaldare i gas fino a creare la pressione necessaria a bilanciare la forza gravitazionale che tende a farla implodere; più è grande la massa e più alta deve essere la temperatura con conseguente maggior consumo di idrogeno Le stelle molto brillanti ad alta temperatura irradiano molta energia ed hanno un consumo elevato, mentre le stelle poco luminose a bassa temperatura consumano molto di meno e durano di più. . Siccome il consumo aumenta in modo più che proporzionale all'aumento della massa, ne consegue che le stelle più massicce possono durare non più di un milione di anni mentre quelle più piccole possono arrivare anche a dieci miliardi e più.

ROTTURA DELL'EQUILIBRIO

Quando una stella ha consumato circa il 12% dell'idrogeno iniziale si crea uno squilibrio che la porta verso la fine della sua esistenza attraverso una serie di trasformazioni che variano in dipendenza della massa stellare. Il Sole, con un'età di circa 4 miliardi e mezzo di anni ha consumato il 6% dell'idrogeno e durerà altrettanto. Ma quando sarà terminato l'idrogeno del nucleo gli strati superiori cadranno verso il centro con aumento della temperatura: a 100 milioni di gradi inizia la trasformazione di elio in carbonio e la grande energia prodotta viene dissipata aumentando il volume, quasi fino a lambire la Terra, e diminuendo la temperatura superficiale: il Sole si è trasformato in una gigante rossa. Il guscio di gas rarefatto si disperde lentamente formando una cosiddetta nebulosa planetaria, mentre al posto del Sole resterà soltanto il nucleo sotto forma di nana bianca.

GENERAZIONI STELLARI

Poco dopo la sua formazione l'Universo era composto di idrogeno con una certa percentuale di elio e le prime stelle contenevano soltanto questi due elementi. Durante le perturbazioni che segnano la fine delle stelle vengono prodotti altri elementi più pesanti (ossigeno, carbonio, azoto, ecc.) che vengono diffusi nello spazio interstellare, dove poi si mescolano alle nubi nelle quali potranno in seguito formarsi altre stelle e pianeti. Queste stelle, come il Sole, sono stelle di seconda generazione contenenti anche gli elementi più pesanti, che tra l'altro sono quelli che permettono la vita, anche la nostra: non è sbagliato dire che "siamo figli delle stelle". La Galassia ha un'età di circa 10 miliardi di anni; poiché il Sole è nato 4 miliardi e mezzo di anni fa, molte stelle di grossa massa erano già morte disseminando gli elementi più pesanti, che sono stati inglobati nel sistema solare. Molte altre stelle più piccole, costituitesi all'inizio della Galassia, sono ancora in vita.

POPOLAZIONI STELLARI

Nel nucleo centrale e negli ammassi globulari ci sono le stelle più vecchie e mancano le nubi, mentre nei bracci della spirale abbondano le stelle più giovani immerse nella nubi dalle quali si formano: solo in queste zone si trovano stelle azzurre le quali, avendo vita breve, sono ormai scomparse nelle zone di antica formazione. Forse la Galassia si è formata da una sfera di gas, che per rotazione si è dilatata più delle stelle già formate, che invece tenderebbero a rimanere nello spazio occupato al momento della nascita.

NANE BIANCHE

Si tratta di stelle con massa simile a quella del Sole ma 10.000 volte meno splendenti: debbono essere molto piccole, con dimensioni planetarie, e molto dense. Un esempio la compagna di Sirio, "SirioB", che è 68.000 volte più densa dell'acqua: un litro di materia stellare avrebbe sulla Terra un peso di 68 tonnellate!. Le nane bianche sono costituite da "materia degenerata", come la chiamò Fermi, nella quale gli elettroni sono staccati dai nuclei atomici per cui questi ultimi possono accostarsi strettamente gli uni con gli altri occupando un volume 100.000 volte minore della materia normale.

STELLE VARIABILI ESPOSIVE

Le novae sono stelle che improvvisamente aumentano la loro luminosità di migliaia e anche milioni di volte, apparendo come stelle nuove. In realtà al loro posto esisteva una stella molto debole, anche invisibile ad occhio nudo. Secondo le più recenti teorie si tratterebbe di una coppia di stelle binarie in fase di estinzione: una nana bianca e l'altra avviata a diventare una gigante rossa. Se del materiale sfuggito dall'atmosfera instabile della gigante cade sulla nana bianca la temperatura si può alzare fino a riaccendere le reazioni termonucleari con conseguente temporaneo aumento di luminosità.

Anche le supernovae compaiono all'improvviso con grande luminosità, ma si tratta dell'immane esplosione di una stella più massiccia del Sole nelle fasi finali della sua vita. Una parte della materia stellare viene proiettata tutto intorno a formare una nube in rapida espansione mentre il nucleo rimanente può trasformarsi in una stella di neutroni o in un buco nero. La Nebulosa del Granchio (Crab Nebula) ha avuto origine dalla supernova del 1054.

STELLE DI NEUTRONI

Si originano quando nelle ultime fasi dell'evoluzione stellare la contrazione del nucleo raggiunge un livello talmente alto che gli elettroni vengono a contatto con i protoni, con conseguente trasformazione in neutroni; tutta la materia viene ad essere formata di neutroni ed in assenza di repulsione elettrica i neutroni sono talmente compatti che il volume di un litro può contenere mille miliardi di tonnellate di materia, il cosiddetto neutronio. Il raggio di una stella di neutroni può essere di circa 10 kilometri.

BUCHI NERI

Nelle stelle più massicce la contrazione del nucleo alla fine dell'esistenza non può fermarsi neanche allo stato di neutronio ma prosegue fino a generare un buco nero, che è la concentrazione di una grande massa in un piccolo volume con una densità tale che neanche la luce riesce a sfuggirne. Il buco nero continua ad attrarre nel suo interno la materia che si trova nello spazio circostante aumentando la sua massa.

   

Le Pleiadi

Il diagramma HR

Nebulosa del Granchio
  
< ritorna all'indicea cura di Carlo Rinaldo - anno 2005/06 

> astronomia di base
> ritorna alla home page