home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20  

17 - LA GALASSIA

Se osserviamo il cielo notturno da un posto sufficientemente scuro noteremo una fascia biancastra che attraversa la volta celeste: è la Via Lattea, come la chiamarono gli antichi per il suo aspetto lattiginoso. Galileo fu il primo a scoprire che la Via Lattea era un agglomerato di stelle.

Ora sappiamo che si tratta di un enorme disco di stelle e di nubi di gas e polveri entro il quale siamo immersi col nostro Sole: è la Galassia. Per un effetto prospettico vediamo le stelle più vicine a noi sparpagliate in tutte le direzioni mentre quelle più lontane le vediamo concentrate in una fascia corrispondente al piano del disco.

DIMENSIONI DELLA GALASSIA

La nostra è una Galassia spirale, che contiene più di 100 miliardi di stelle ed ha la forma di un disco, diviso in più bracci con un rigonfiamento al centro. Fino a 100 anni fa si credeva che il Sole fosse al centro della Galassia; con i recenti mezzi di osservazione si è accertato che si trova in posizione molto decentrata e che il centro si trova in direzione della costellazione del Sagittario; in effetti in quella direzione è più intensa la fascia della Via Lattea. Il diametro della Galassia è di 100.000 anni luce ed il Sole è situato a 27 anni luce dal centro. Lo spessore del disco nella zona del Sole è intorno a 3.000 anni luce mentre quello del nucleo è di circa 15.000. Nel centro della galassia esiste una forte sorgente di radioonde, Sagittarius A, che emette anche raggi infrarossi e raggi X; potrebbe trattarsi di un buco nero con massa pari a milioni di masse solari.
Le più recenti osservazioni fanno ritenere che la forma della Galassia sia quella di una spirale barrata, nella quale i bracci non si diramano dal centro ma dalle estremità di una specie di barra di stelle che attraversa la zona centrale.

LA ROTAZIONE DELLA GALASSIA

Tutti i componenti della Galassia, stelle e materia interstellare, ruotano intorno al centro comune secondo le leggi di Newton ma in modo differenziato, essendo la massa diffusa in tutto il disco.

La parte centrale, dove le stelle sono più fitte, ruota come un corpo solido anche a causa della mutua attrazione gravitazionale: qui le stelle più vicine al centro ruotano a velocità minore di quelle più lontane e tutte impiegano lo stesso tempo a compiere una rotazione intorno al centro galattico. La parte più esterna del disco ruota secondo la terza legge di Keplero, con velocità che diminuisce allontanandoci dal centro mentre aumenta il periodo di rotazione. La parte centrale ha un movimento intermedio: la velocità è costante, sui 250 km/secondo, per cui il periodo aumenta man mano che aumenta la distanza dal centro. Il Sole si muove alla velocità di 300 km al secondo in direzione della costellazione del Cigno e compie un'orbita galattica in oltre 200 milioni di anni, mentre il nucleo lo fa in soli 7 milioni.

LE GALASSIE SATELLITI

La nostra galassia ha due piccole galassie satelliti, le due nubi di Magellano, osservate per la prima volta nel 1519 dal celebre navigatore durante la circumnavigazione dell'Africa.
Entrambe si trovano alla distanza di circa 200.000 anni luce. La massa della Grande nube è stimata pari a 10 miliardi di masse solari, mentre la Piccola nube sarebbe 10 volte più piccola.

LA GALASSIA DI ANDROMEDA

Sappiamo che nell'Universo esistono milioni di galassie, come la nostra e di altri tipi. Quella di Andromeda è l'unica galassia esterna visibile ad occhio nudo. In condizioni osservative ideali può mostrare un'estensione di 2 gradi e mezzo, cinque volte quella della Luna; al telescopio ha un'estensione ancora maggiore. Anche Andromeda è una galassia spirale e come dimensioni è paragonabile alla Via Lattea; ha anch'essa due piccole galassie satelliti.


La Galassia di Andromeda (M 31)

   
  
< ritorna all'indicea cura di Carlo Rinaldo - anno 2005/06 

> astronomia di base
> ritorna alla home page