home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20  

15 - I CORPI MINORI DEL SISTEMA SOLARE

Il Sistema Solare contiene innumerevoli altri corpi oltre ai pianeti principali: si tratta dei corpi minori, come asteroidi, comete, meteore e oggetti transnettuniani scoperti negli ultimi anni.

GLI ASTEROIDI

Osservando le orbite dei pianeti notiamo una certa regolarità nell'aumentare delle distanze dal Sole, ma tra Marte e Giove vediamo un grosso salto, una fascia vuota: forse ci doveva essere un altro pianeta? E' quello che si credeva alla fine del 1700 in base alla cosiddetta legge di Titius-Bode, due astronomi tedeschi che avevano individuato una progressione numerica nella distanza dei pianeti dal Sole:

distanza = 0,4 + 0,3 · 2n

(n è un numero intero progressivo uguale a "meno infinito" per Mercurio, 0 per Venere, 1 per la Terra e così via aumentando sempre di 1).

Come si vede il calcolo è molto vicino alle distanze vere dei pianeti allora conosciuti, cioè fino ad Urano; è anche evidente una lacuna in corrispondenza dell'indice 3: lì non c'era nessun pianeta. Gli astronomi si scatenarono alla ricerca del pianeta mancante, tanto che in Germania si creò un gruppo di astronomi chiamato "La polizia celeste", ma il primo successo fu dell'italiano Giuseppe Piazzi che il 1° gennaio 1801 scoprì, alla distanza prevista, il pianetino chiamato poi Cerere. Fu subito chiaro che Cerere, con un diametro di circa 1.000 km, non aveva dimensioni planetarie; in seguito, continuando le ricerche, furono trovati nella fascia tra Marte e Giove diversi altri corpi, denominati "Asteroidi" (simili alle stelle, perché appaiono come puntini con aspetto stellare).

I più piccoli individuati hanno dimensioni di circa 100 metri; la stragrande maggioranza non arriva a 100 km. Si stima che il loro numero si aggiri intorno ai 50.000, ma quelli conosciuti sono circa 7.000; quest'ultimo numero è destinato ad aumentare mano a mano che migliorano gli strumenti di osservazione.

I più famosi, oltre a Cerere, sono:
- Eros, 36 km di lunghezza, si avvicina alla Terra fino a 22 milioni di km.
- Icarus, 1 km di diametro; la sua orbita lo porta più vicino al Sole di Mercurio.
- Hermes, è passato vicino alla Terra alla distanza di 750.000 km
- 1989FC, record di vicinanza a 690.000 km.
- Toutatis, è formato da due corpi irregolari accostati, di 4 e 2,5 km, che ruotano insieme.
- Ida è l'unico ad avere un piccolo satellite, Dactyl.

Quelli che si spingono vicino alla Terra, definiti NEA o NEO (Near Earth Asteroid/Object), vengono sorvegliati nel timore di un impatto. Le probabilità sono stimate in uno ogni milione di anni per quelli con diametro di 1.000 metri ma in uno ogni 100 anni per diametri da 30 a 100 metri. Così al posto del "pianeta mancante" sono stati trovati migliaia di corpi minori, tanto piccoli che la loro massa complessiva dovrebbe essere pari a circa un centesimo di quella terrestre. Potrebbero essere il residuo di un pianeta che non si è potuto aggregare per l'influenza gravitazionale perturbatrice esercitata dal massiccio Giove.

GLI OGGETTI TRANSNETTUNIANI

Oltre Plutone è stato a lungo cercato il decimo pianeta, senza successo: sono stati recentemente individuati, a partire dal 1992, numerosi corpi minori, stimati in molte migliaia, che popolano una regione chiamata "Fascia di Kuiper" compresa tra 35 e 100 U.A. e situata tra Nettuno e la nube di Oort. Nel 1993 è stato scoperto il più grande, Sedna, con un diametro di almeno 1.250 km, come Caronte. Si è pensato subito di aver trovato finalmente il decimo pianeta. Però l'orbita è molto particolare perché la distanza dal Sole varia da 90 a 900 U.A. ed il periodo è di 11.000 anni. Si ritiene perciò di non poterlo considerare un pianeta e addirittura si pensa di declassare Plutone per inserirlo - insieme a Sedna, Quaoar, Varuna ed agli altri corpi della fascia di Kuiper - nella categoria degli "Oggetti transnettuniani", indicati anche come K.B.O. (Kuiper Belt Objects).

Recentemente (fine 2005) è stato trovato un corpo più grande di Sedna, il KBO 2003 UB313, che sembra avere un diametro di 3.100 Km e sarebbe pertanto più grande di Plutone ma comunque un po' più piccolo della Luna. Questo corpo è stato chiamato Xena, come la principessa guerriera di una serie televisiva. Xena si trova alla distanza di 97 U.A. dal Sole, intorno al quale orbita in 560 anni; probabilmente la sua superficie è ricoperta di metano ghiacciato ad una temperatura di 248°. Anche in questo caso qualcuno vorrebbe considerarlo come il decimo pianeta, mentre altri obbiettano che dopo Xena si troveranno certamente altri corpi transnettuniani con caratteristiche simili per cui i pianeti dovrebbero diventare tantissimi: sarebbe allora preferibile fermarsi a otto pianeti, fino a Nettuno, declassando quindi Plutone. Attualmente c'è molta incertezza in merito: bisognerebbe stabilire quali siano le caratteristiche che danno diritto al titolo di pianeta. Comunque la questione è puramente formale: quello che è più importante è migliorare la conoscenza di questi corpi celesti per saperne di più sulle origini del sistema solare. Si può concludere dicendo che la fascia di Kuiper e tutti i corpi minori in essa parcheggiati fanno parte del sistema solare, che allarga così i suoi confini giungendo fino alla nube di Oort,

LE IPOTESI SULLE ORIGINI DEI CORPI TRANSNETTUNIANI:

4,5 miliardi di anni fa
Intorno a un primitivo Sole, appena "acceso" e quindi ancora in espansione, orbita un disco formato da polvere, rocce e gas.
Un milione di anni dopo
Si formano agglomerati rocciosi, che attirano altra materia. Alla fine si conteranno circa 60 corpi maggiori, detti "oligarchi".
Passano altri due milioni di anni
Gli oligarchi si scontrano e si fondono, formando i pianeti che oggi conosciamo. Le loro orbite si stabilizzano, ma…
100 milioni di anni dopo 
Alcuni oligarchi sono scagliati lontano per "effetto fionda" e vanno a occupare orbite eccentriche e molto lontane dal Sole.
   

Giuseppe Piazzi e
il pianetino Cerere

L'asteroide Ida

Sedna
  
< ritorna all'indicea cura di Carlo Rinaldo - anno 2005/06 

> astronomia di base
> ritorna alla home page