home page - novità - mappa - link AMA - Associazione Marchigiana Astrofili - Ancona
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20  

11 - MARTE

Marte è il primo dei pianeti esterni, con orbita più ampia di quella terrestre.

La sua distanza dalla Terra è minima quando si trova in opposizione al Sole, cioè quando la Terra transita tra il Sole e Marte; in questi casi si ha la massima visibilità in quanto il pianeta mostra un diametro maggiore ed è pienamente illuminato. Siccome l'orbita di Marte è piuttosto eccentrica, non tutte le opposizioni sono uguali: la distanza da noi può variare da 56 a 100 milioni di km. L'ultima opposizione favorevole, con Marte all'afelio, si è verificata nell'estate del 2003. Marte compie la rivoluzione in 687 giorni e la rotazione in circa 24 ore e mezzo.

Il diametro, 6.800 km, è poco più della metà di quello terrestre.

Anche Marte, come la Terra, ha l'asse di rotazione inclinato sul piano orbitale di oltre 20°, causa questa dell'avvicendarsi delle stagioni. Le differenze di temperatura sono più accentuate nell'emisfero australe perché Marte si trova all'afelio quando lì è inverno e al perielio quando è estate. Anche ad occhio nudo Marte appare di un colore rossiccio, che è dovuto all'abbondanza di ossidi metallici sulla sua superficie; questa abbondanza si accorda con la mancanza di ossigeno nell'atmosfera: questo gas è rimasto intrappolato nei minerali. L'osservazione di Marte al telescopio ha mostrato alcune variazioni stagionali: le calotte polari ghiacciate (CO2 e H2O), che aumentano e diminuiscono e le zone scure che cambiano colore col passare delle stagioni. Quest'ultimo fenomeno aveva fatto pensare ad una forma di vita vegetale, ma le recenti esplorazioni non ne hanno dato conferma; potrebbe trattarsi di reazioni chimiche.

Nel 1877 l'astronomo di Brera Luigi Schiaparelli osservò i famosi "canali, delle sottili linee che collegavano le aree oscure ad altre piccole macchie dette "oasi". Molti pensarono ad opere di irrigazione effettuate da una civiltà marziana; oggi abbiamo la prova che tali opere non esistono e che la visione di linee regolari è dovuta ad un effetto psicologico.

Il pianeta ha due piccoli satelliti, Phobos e Deimos con diametri di circa 15 km; per Phobos, il più vicino e molto leggero, si era ipotizzato che potesse trattarsi di un satellite artificiale messo in orbita da una antica civiltà; l'ipotesi è stata demolita dalle foto delle sonde Mariner.
L'ATMOSFERA DI MARTE

La gravità è un terzo di quella terrestre e l'atmosfera, 96% di CO2 e priva di ossigeno, è molto più rarefatta di quella terrestre: la pressione a livello del suolo è appena di un centesimo di bar. Negli strati più bassi sono presenti piccole quantità di vapor acqueo. Nelle zone tropicali la temperatura varia tra i 25° e i -30° C.

Intorno alla calotta polare meridionale, quella con maggiore escursione termica, si generano d'estate dei venti fino a 400 km/h che provocano tempeste di polvere su tutto il pianeta (vedi l'immagine a destra).

LA SUPERFICIE DI MARTE

La superficie di Marte presenta almeno 10.000 crateri. I vulcani, ormai spenti, sono molto estesi e poco inclinati. Può dipendere dal fatto che la crosta non è divisa in zolle come sulla Terra e non è soggetta a spostamenti per cui la lava può continuare ad uscire per molto tempo sempre dallo stesso punto allargandosi tutto intorno. Il vulcano più vistoso è il Monte Olimpo: diametro 500 km e altezza 27.000 metri.
Ci sono anche varie zone pianeggianti, la maggiore è la Pianura Hellas, diametro 1.600 km, forse originata dall'impatto di altro corpo. Evidentissima la Valles Marineris lunga oltre 5.000 km e profonda mediamente 6 km: è 100 volte maggiore del Grand Canyon del Colorado; potrebbe essere formata per sollevamento di una parte della crosta marziana.

L'acqua è attualmente presente nelle calotte polari e nella bassa atmosfera ma sul suolo ci sono segni evidenti di antichi fiumi e bacini. E' possibile che in passato ci sia stata più acqua che sulla Terra, considerato il minor riscaldamento da parte del Sole. Una grande quantità di questa acqua potrebbe essere rimasta congelata sotto la superficie come permafrost.

La vita sarebbe comunque molto difficile per la mancanza di acqua liquida e anche per le radiazioni solari e cosmiche, che non sono schermate sufficientemente dall'atmosfera e non sono deviate da un campo magnetico.

L'ESPLORAZIONE DI MARTE

I primi successi furono quelli del Mariner 4 nel 1965, poi Mariner 6 e 7 dopo 4 anni e Mariner 9 nel 1971. Queste sonde orbitavano intorno a Marte eseguendo rilievi principalmente fotografici. I Viking 1 e 2 che raggiunsero Marte nel 1976 erano formati da 2 moduli: l'Orbiter che effettuava rilievi dall'alto e il Lander che si posava sul suolo per compiere esperimenti biochimici alla ricerca di tracce di vita, che non furono trovate.

Il Mars Pathfinder ha toccato il suolo il 4 luglio 1997 - Independence Day - attutendo l'urto con degli airbag e rilasciando in seguito il veicolo Sojourner che con le sue 6 ruote ha esplorato il terreno circostante.

Mars Odissey lanciato nel 2001 sta tuttora effettuando rilievi dalla sua orbita.

Spirit e Opportunity sono due piccoli veicoli su ruote sbarcati su Marte nel 2004, aiutati da paracadute ed airbag, I due robot hanno inviato dati dai quali si deduce che il pianeta rosso tre-quattro miliardi di anni fa era un ambiente umido e per un certo periodo ha mantenuto le condizioni ideali per la vita. Nell'aria c'è ancora vapore acqueo e al mattino spesso Spirit era ricoperto di ghiaccio.

Nel 2003 Mars Express, la prima missione dell'ESA - Agenzia Spaziale Europea - che con uno spettrometro italiano sonda il sottosuolo alla ricerca di acqua: ha rilevato ghiaccio e vapore. Nel marzo 2006 arriverà in orbita, a bordo di una sonda NASA, il radar italiano Sharad per la ricerca di acqua fino a qualche centinaio di metri sotto la superficie.

La NASA conta di portare i primi astronauti su Marte intorno al 2020-2025. Alcuni ricercatori stanno progettando il modo di rendere il pianeta abitabile mediante la creazione di un'atmosfera, che causerebbe un aumento della temperatura permettendo la crescita di vegetali. Si tratta di progetti dal costo elevatissimo e per ora non se ne prevede l'attuazione.

La faccia di Cydonia

Nella zona di Cydonia il Viking 1 ha fotografato una formazione con le sembianze di una faccia umana, il che ha scatenato molte fantasie sulla presenza di vita intelligente. Le foto più dettagliate delle missioni successive hanno dimostrato che si tratta di naturali irregolarità del terreno.

VITA NEL SISTEMA SOLARE?

La possibilità dell'esistenza di forme di vita è stata in passato esaminata e sperata per i due pianeti più simili alla Terra, Venere e Marte. Le conoscenze attuali ci inducono al pessimismo, principalmente per la mancanza di acqua. Le prove dell'esistenza passata di grandi quantità di acqua su Marte hanno fatto avanzare l'ipotesi che sui pianeti più vicini al Sole ci possa essere un'evoluzione nella quale la Terra si trovi attualmente a metà strada tra Venere e Marte: su Venere la vita potrebbe sbocciare in futuro mentre su Marte si sarebbe già estinta.

   
  
< ritorna all'indicea cura di Carlo Rinaldo - anno 2005/06 

> astronomia di base
> ritorna alla home page